CANTIERE DI POZZO GAL - MUSEI DELLE MINIERE - ARBUS

Vai ai contenuti

Menu principale:

CANTIERE MINERARIO DI POZZO GAL


Entrato nel compendio di Pozzo Gal, il visitatore si trova subito davanti al grande pozzo, una voragine di quasi 205 metri in verticale e 150 in diagonale, nient’altro che la porta di accesso al sottosuolo. Pozzo Gal deve il suo nome al dirigente del gruppo Pennaroya, Paul Gal, che intorno al 1920 gestiva le miniere di Gennamari e Ingurtosu. La sua messa in funzione, nel 1923, all’interno del più antico cantiere Harold, era finalizzata alla coltivazione in sotterraneo del filone Brassey, uno dei più importanti dell'isola per l'estrazione della galena argentifera. 

OGGI IL CANTIERE E' LA SEDE DEL CEAS DI INGURTOSU
 
(Centro di Educazione Ambientale e alla Sostenibilità) 

Ospita al suo interno un MUSEO MULTIMEDIALE con la storia della MINIERA DI INGURTOSU, una MOSTRA ENTOMOLOGICA(Storia dell'apicoltura, Collezione di Insetti, Storia della Seta in Sardegna), varie COLLEZIONI DI MINERALI, MOSTRE FOTOGRAFICHE, MOSTRA DI OGGETTI DEL LABORATORIO CHIMICO, ARCHIVIO STORICO (riviste e libri sull'attività mineraria, geologia, ecc.) 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu